Il sogno cinese

“Il sogno cinese… Oggi tutti parlano del “Sogno cinese”. Io ritengo che il più grande sogno della nazione cinese sia proprio realizzare la sua rinascita.” Sono parole di Giada Messetti contenute nel suo primo libro “Nella testa del Dragone” che sto leggendo con grande attenzione. Sono molto curiosa e interessata a scoprire l’identità e le ambizioni della Cina. In questo post riporto alcuni concetti molto interessanti sul progetto politico e della visione di XI Jinping.

Il sogno cinese

Il sogno cinese condensa i desideri a lungo covati da generazioni di cinesi, incarna tutti gli interessi del popolo e della nazione cinese. Il Sogno cinese è la speranza comune di ciascun figlio della Cina. Queste poche frasi contengono già molti dei capisaldi di quello che verrà definito il pensiero di Xi Jinping e che sarà introdotto nella Costituzione cinese nell’ottobre 2017, durante il XIX Congresso del partito. Le parole Sogno Cinese e “rinascita” sono i concetti che trainano tutta la politica di XI Jinping.

XI Jinping

Quali sono le differenze tra il sogno cinese e il sogno americano?

Il Sogno cinese, per assonanza, richiama alla mente quello americano. Hanno sicuramente dei tratti comuni, ma di base sono profondamente differenti. L’american dream è un sogno individuale dove un singolo, impegnandosi e lavorando sodo, riesce a ottenere la propria realizzazione e il proprio successo. Il Sogno cinese è un sogno collettivo, il cui il singolo si impegna e lavora per portare al successo anche gli altri ovvero il successo, il benessere, la prosperità della Cina.

La Cina è qui di Giada Messetti
Il nuovo libro di Giada Messetti “La Cina è qui”

La distanza tra i due sogni è la principale differenza tra pensiero occidentale e orientale: il nostro modo di ragione è individualista, analitico, “lineare” e attento alla classificazione, mentre quello cinese è “circolare” e olistico, più legato al contesto e più attento alla concatenazione. L’idea di isolare analiticamente una frazione di realtà, anche nella vita di tutti i giorni, per un orientale non solo è assurda, ma è anche piuttosto complicata. È infatti abituato a pensare a qualsiasi individuo e a se stesso sempre in relazione con il contesto.

Come si realizzerà il Sogno Cinese?

Noi occidentali non siamo abituati a osservare la politica muoversi secondo una visione di lungo periodo, ma se esistono due tratti caratterizzanti dell’azione dei leader cinesi, sono proprio la lungimiranza e la capacità di programmare. Il Sogno Cinese è la bandiera di Xi Jinping ed è un progetto politico che ha un amplissimo orizzonte temporale.

Il progetto prevede due scadenze importanti, note con l’espressione “i due cento”: centrare l’obiettivo interno di una società “moderatamente prospera” entro il 2021, centenario della fondazione del Partito comunista cinese, e raggiungere il traguardo esterno di rendere la Cina una nazione “pienamente sviluppata”, completando il processo di rinascita che la porterà a rivestire nuovamente una posizione di primato nel mondo. Un posto che le spetta: “Cina” letteralmente in cinese significa “paese del centro”.

Il secondo target dovrà essere raggiunto entro il 2049, il secondo centenario, quello della fondazione della Repubblica popolare cinese. L’obiettivo di Xi Jinping è un sogno di benessere che abbraccia una visione geopolitica. La rinascita cinese.

Ciao sono Katia! Scrivo da sempre. Mi riesce facile mettere nero su bianco pensieri ed emozioni. Dal 2010 dico la mia sulla società grazie alle evoluzioni del digitale, i voli pindarici del marketing ed il potere della narrazione.

Latest articles

Articoli Simili

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.