domenica, Febbraio 25, 2024
More
    HomeLavoroQuiet Quitting

    Quiet Quitting

    Quiet quitting è il nuovo fenomeno lavorativo che ha preso il posto delle “grandi dimissioni” post covid. Il termine quiet quitting è riconducibile a quell’atteggiamento per cui al lavoro “ci siamo e non ci siamo”. Ci presentiamo in ufficio e ci limitiamo a fare il minimo indispensabile per non perdere il posto di lavoro e portare lo stipendio a casa. Alle 18 spaccate casca la penna e siamo fuori dall’ufficio.

    Quiet Quitting | Foto di Johnny Cohen | Unsplash
    Foto di Johnny Cohen | Unsplash

    Quiet quitting, l’abbandono silenzioso del lavoro

    Il fenomeno del quiet quitting sta assumendo delle proporzioni importanti perché, visto il tempo di crisi energetica, i molti dimissionari hanno dovuto far marcia indietro e non lasciare il lavoro. Ma si abbandona il lavoro anche silenziosamente. Succede quando non ci si sente motivati, quando non ci viene riconosciuto il nostro impegno e sacrifici.

    Secondo le ultime news, il fenomeno del quiet quitting è riconducibile per una parte nella volontà di sempre più persone di farsi assorbire meno dai ritmi e dalle richieste del lavoro. E quindi, di fare più spazio alla famiglia, agli amici, alla realizzazione personale extra lavoro.

    Una buona parte di responsabilità, però, sta anche in capi, responsabili e manager che fanno ben poco per per promuovere un clima di fiducia e ascolto, un ambiente in cui nutrire talenti e motivazioni delle persone nei propri team.

    A prescindere da dove stiano colpe e responsabilità, su una cosa è chiara. Il quiet quitting, “l’abbandono silenzioso” nelle otto ore che passiamo al lavoro, si riversa per forza di cose anche in quello che facciamo, in chi siamo, anche al di fuori del lavoro.

    Per una ragione molto semplice: non possiamo accenderci e spegnerci a comando. E al lavoro passiamo molto tempo e dedichiamo energie.

    Quiet Quitting  | Foto di Djim Loic | Unsplash
    Foto di Djim Loic | Unsplash

    La routine lavorativa che ci uccide

    Ci sono delle motivazioni che vanno ripetendosi. Ad esempio:

    Mancanza di motivazione

    Nel progetto a cui stai lavorando da mesi ci si sente isolati, mancano feedback che ci confermino che stiamo facendo bene, che stiamo prendendo la direzione giusta e step di supporto che ci aiutino a fare il passo successivo.

    Mancanza di desiderio di andare in ufficio

    Un’altra motivazione ricorrente che ci stiamo trascinando sul lavoro è la mancanza di entusiasmo di andare in ufficio e fare cose che odiamo fare. Ad esempio: in cuor nostro sappiamo che siamo inclini ad un progetto strategico, ma continuiamo a trascinarci nel nostro ruolo operativo perché abbiamo timore che a nessuno possa interessare il nostro profilo non avendo una consolidata esperienza in quel campo che ci piace tanto.

    Ansia fin dalla domenica

    Alla frustrazione e alla paura si aggiunge l’ansia di dover andare al lavoro. L’idea di dover affrontare il collega antipatico, giudicante e pettegolo ci mette a disagio anche durante il week end.

    Come reagire al quiet quitting?

    Reagire alla demotivazione e al conseguente quiet quitting è il primo passo per circoscrivere la nostra insofferenza professionale. Solo allora ha senso iniziare a valutare possibili opzioni e soluzioni.

    1. Non c’è bisogno di mollare tutto subito. Potrebbe essere utile chiedere al tuo capo di darti dei feedback puntuali sul tuo operato.
    2. Magari non è l’operatività del tuo ruolo attuale il problema, ma il fatto che non stai facendo passi nella direzione da cui ti senti chiamato per paure ed ansie.
    3. Magari non è la tua collega il problema (o meglio, non solo), ma il fatto che non riesci ad esercitare la tua assertività e a renderle chiaro quali sono i confini che con te non possono essere superati.

    Perdersi e non trovare più i propri valori

    Il rischio più grande e insidioso del quiet quitting è perdersi in giornate tutte uguali, aspettare che arrivi il week end e vivere in funzione del week end. Così facciamo passare settimane, mesi, anni… abbandonando silenziosamente le nostre aspirazioni, ambizioni e talenti.

    E non abbandoniamo silenziosamente solo un lavoro, ma una promessa ben più importante fatta a noi stessi.Quella di vivere una vita che ci assomigli e che dia senso al nostro agire.

    Katia Querin
    Katia Querinhttp://www.katiaquerin.it
    Ciao sono Katia! Scrivo da sempre. Mi riesce facile mettere nero su bianco pensieri ed emozioni. Dal 2010 dico la mia sulla società grazie alle evoluzioni del digitale, i voli pindarici del marketing ed il potere della narrazione.

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertisingspot_img

    Popular posts

    My favorites

    I'm social

    0FansLike
    0FollowersFollow
    3,912FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe