Linkedin delle meraviglie

Icona di LinkedIn

Era da un pò che non davo un’occhiata a  Linkedin. Volevo aggiornare la mia posizione lavorativa poi una sensazione di fastidio incontrollata mi ha assalito e ho mollato la presa.
Bacheca piena di aggiornamenti poco interessanti, alcuni del tutto fuori luogo. Tizio ha cambiato la sua foto, a Caio piace il video di Gianni mentre fa snowboard, Ciccio ha un nuovo id skype, Sempronio pensa che Linkedin sia Twitter. E così la bacheca è piena di stronzate, mi trovo qui, mi trovo qua, trallalero tralla la.
Per chi non lo sapesse Linkedin dispone di un filtro intelligente così i tweet non lavorativi non compaiono. Se volete condividere qualcosa di professionale basta cliccare l’opzione contenuta alla voce —–> profilo——>twitter——> Condividi solo i tweet che contengono #in (oppure #li) nel tuo stato LinkedIn.
Attivatelo vi prego! La gente, già scocciata di suo, vi nasconde. E di voi non si ricorda più nessuno.
Come per magia la bacheca respira (ho nascosto due persone) e trovo ex colleghi/fornitori/compagni di studi che hanno aggiornato la loro professione.
Vado a vedere.

Specialist web designer evolution
Education consultant technology solutions 
Service Manager Service Operations
Channel Sales Manager Information Technology Consumer Business
General Manager
Channel Delivery Account Manager Customer Support

Quando non capisco, strabuzzo gli occhi e faccio le smorfie. Il fastidio monta…le rughe sono in agguato. Dopo un attimo di perplessità e scoramento realizzo… sono tutti responsabili… siiiiiii ma di se stessi!!! Come fai a scrivere General Manager dell’azienda xxx, che sta dietro a casa mia e ha 10 impiegati ?! Ma sei scemo ? Scusa Gina ma da quando una maestra è tutta quella roba là ?

Passiamo agli inviti. Momento di riflessione…Ah sì adesso ho capito chi sei.
Ci siamo sfiorati alla macchinetta del caffè per 3 nano secondi alla Fiera dell’est.

Ignora. Ignora. Ignora. Ignora.

Ciao sono Katia! Sono appassionata di news, serie tv e biografie. Osservo i cambiamenti della nostra società grazie le evoluzioni del digitale, i voli pindarici del marketing ed il potere della narrazione. Scrivo da sempre perché mi riesce facile mettere nero su bianco le emozioni.

Latest articles

Articoli Simili

3 COMMENTS

  1. Ah ah ah! Che ridere! 🙂
    Almeno in prima istanza, poi ci rifletti e dici… È tutto vero… C'è bisogno di questi titoli per sentirsi "più meglio" del tuo vicino e per darsi un tono, di colui che sa…
    Diventa sempre più difficile testare le professionalità a meno che non si mettano alla prova… Si fa la gara a chi ha il network più grande e grosso! 🙂
    Io nella mia esperienza ho imparato a diffidare dai guru e da quelli che fanno tutto troppo facile o i commerciali di se stessi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.